Torna alla pagina iniziale
...È bestiale!

Stampa Tutto su Tiger

Informazioni sulla catena di negozi Tiger in Europa e su Tiger Italia

Tiger è nata nel 1995 in Danimarca. Tutto è cominciato con un piccolo negozio a Copenhagen, per diventare, nel tempo, una catena di oltre 300 punti vendita, il cui numero è in continuo aumento e che attualmente sono concentrati prevalentemente in Europa, ma non solo: il Giappone conta 2 negozi!

In Danimarca, alla loro prima apparizione, i negozi Tiger provocarono una rivoluzione in ambito commerciale, dimostrando al pubblico che i buoni prezzi, la qualità e il design dei materiali possono essere parte dello stesso prodotto. Ora anche in Italia è in atto questa rivoluzione commerciale!

 Lo sviluppo di Tiger nei vari Paesi del mondo avviene attraverso il sistema della partnership commerciale (“join venture”). Tiger non opera in franchising, bensì attraverso gestione diretta su aree territoriali: Tiger Italia 1 ha un mandato territoriale per l’area geografica del Nord Italia (comprese Emilia Romagna e Toscana), Tiger Italia 2 per Roma e provincia, Tiger Italia 3 per la Sicilia.

 A Torino nel 2011 è stato aperto il primo negozio Tiger in Italia, dove l’azienda è attualmente in forte espansione, con nuovi punti vendita che aprono nel cuore delle principali città del nostro Bel Paese.

Proponiamo alla clientela una grandissima varietà di prodotti di qualità, di design, originali e attenti alla moda: sono articoli che mensilmente si rinnovano e che vendiamo a prezzi sorprendentemente bassi (e “rotondi”: 1, 2, 3, 4, 5, 7, 10, 20, 30 €…).

 L’ambiente Tiger è accogliente, colorato e vivace: il nostro obiettivo è far vivere ai nostri clienti un’esperienza piacevole durante la loro visita in negozio. L'atmosfera è divertente e giocosa, con musica e colori. Curiamo scrupolosamente il layout degli spazi espositivi e il benessere organizzativo tra le persone che lavorano con noi.

Senso etico, organizzazione e allegria sono valori che guidano il nostro approccio quotidiano al business.

 


picture


picture


picture